40 oli per 40 giorni

Continua 40 oli essenziali per 40 giorni 🙂 <3
Siamo al 10° giorno, all’olio essenziale di Salvia sclarea (Salvia sclarea)

Articolo del 23/02/2018, revisionato il 22/04/2021.

Olio essenziale di Salvia sclarea

L’olio essenziale di Salvia sclarea è una delle essenze più multiformi e interessanti ed ha un energia vivificante.
La salvia sclarea è una pianta perenne o biennale, che assomiglia molto alla salvia officinalis, ma con fiori più piccoli. Il profumo dell’olio essenziale distillato dalle foglie e dalle cime fiorite dalla Salvia sclarea, è molto diverso dalla Salvia officinalis, è più dolce e caldo.

In aromaterapia ha una ottima reputazione perché ha effetto sulla psiche, ha un effetto rivitalizzante e stimolante ed è di aiuto a persone molto nervose. Grazie al suo calore e alla sua forza vitale viene suggerita per paure e depressioni.

Applicazioni

  • Dona calma interiore, indicata per le situazioni critiche in cui ci sentiamo agitati – annusa direttamente dalla boccetta;
  • Amata dagli artisti, tonifica il sistema nervoso portando energia, ispirazione e creatività perché stimola all’apertura verso il nuovo – nel diffusore, massaggi, bagni caldi;
  • Olio essenziale da usare in caso di insonnia, incubi e agitazione – in diffusione nell’ambiente o 1 goccia sul cuscino;
  • Stimola i sogni, aumenta l’attività onirica – 1 goccia sul cuscino;
  • Essenza che ringiovanisce, nel senso che stimola ad osare ciò che non si fa più da lungo tempo, perfetta per le persone in piena crisi di mezza età – in diffusione nell’ambiente 3 gocce di Salvia sclarea e 3 gocce di Pompelmo;
  • Adatta alle pelli mature per rigenerare ed attenuare le rughe – in miscele per il viso;
  • Grande affinità con l’energia femminile, aiuta nell’amenorrea, ciclo irregolare, a ridurre le tensione premestruale, agisce come regolatore ormonale nei disturbi della menopausa – bagni caldi, in olio vegetale per massaggio della zona addominale e area pubica;
  • Eccessiva sudorazione – bagni, pediluvi e frizioni.

Avvertenze: generalmente atossico a bassi dosaggi. Evitare in gravidanza, allattamento. Non assumere insieme ad alcolici, può avere un effetto narcotico.

Nota bene: L’olio essenziale di Salvia sclarea e ben diverso dalla Salvia officinalis (savia comune) che è tossico anche in piccolissime dosi, perché avendo forte influsso sUl sistema nervoso centrale, può scatenare crisi epilettiche in soggetti predisposti. Ecco perché in aromaterapia è preferibile usare la Salvia sclarea.

Per approfondire sugli utilizzi della Salvia sclarea:

Per acquistare:

Immagine: Creative Common by Kippi70